Acido caprilico
6 Prodotti
  • Forma Ridotta di Coenzima Q-10 con D-limonene.
    HSN PRIME, le migliori offerte dell'estate
    23,72 €
    27,90 €
    -14.98%
      4,18 €
    Pronto per l'invio
  • FITNESS PROTEIN PANCAKE - 800g - Amix Mr. Poppers
    + Regalo
    Liquidazione
    Deliziosi pancakes di proteine ??e avena.

    Opzione in liquidazione:

    • Ananas - Cocco
    • Sconto Speciale su Yogurt Fragola
    HSN PRIME, le migliori offerte dell'estate + regalo assicurato
    Da
    19,38 €
    22,80 €
    -15%
      3,42 €
    Pronto per l'invio
  • Evita le zampe di gallina e il tono spento degli occhi.
    HSN PRIME, le migliori offerte dell'estate
    15,21 €
    17,90 €
    -15.01%
      2,69 €
    Pronto per l'invio
  • 600mg di Acido caprilico per pillola.
    HSN PRIME, le migliori offerte dell'estate
    10,11 €
    11,89 €
    -14.98%
      1,78 €
    Esaurito
  • Latte detergente e struccante. Pulisce, idrata e rinfresca la pelle del viso.
    7,59 €
    Esaurito
  • Attacca la candida! Migliora il sistema digestivo
    V
    HSN PRIME, le migliori offerte dell'estate
    15,21 €
    17,90 €
    -14.99%
      2,69 €
    Esaurito

Acido caprilico

L’acido caprilico, trattamento ideale contro la candidasi

Gli acidi grassi sono i costituenti fondamentali dei lipidi, per cui la loro presenza è un segno inequivocabile di questa classe di sostanze. Sono catene di atomi di carbonio e idrogeno che adottano questo nome in funzione del numero dei primi che entrano nella loro struttura.

Indice

    1. L’acido caprilico, trattamento ideale contro la candidasi
    2. Origine dell’acido caprilico
    3. Le sue proprietà e benefici
    4. Candidasi: azione specifica dell’acido caprilico contro questa
    5. I suoi possibili effetti collaterali
    6. Interazioni descritte
    7. Come si deve prendere l’acido caprilico
    8. Sue possibili combinazioni

Origine dell’acido caprilico

All'interno di questa scala di sostanze si trova l'acido caprilico, nome più frequentemente utilizzato di quello a cui realmente corrisponde per la sua posizione nella scala, che è acido ottanoico (in quanto è formato da otto atomi di carbonio e quindi è considerato a catena media). Va precisato che questa scala è integrata da quegli acidi che in natura si trovano allo stato saturo, il che li rende molto diversi per caratteristiche fisiche, chimiche e nutrizionali dagli acidi monoinsaturi e polinsaturi, fra i quali si trovano, ad esempio, l’oleico, il linoleico e il linolenico.

Tuttavia, la presenza di questi composti negli alimenti in quanto tali, cioè come acidi grassi liberi, è solitamente dovuta a un'alterazione di questi composti, solitamente dovuta all'irrancidimento dei lipidi o dei grassi, poiché non è usuale che facciano parte della loro composizione chimica.

Per quanto riguarda l'acido caprilico, per trovare la sua origine naturale maggioritaria dobbiamo ricorrere a substrati molto diversi fra loro: un frutto, il cocco, e un fluido organico, il latte dei mammiferi femmine, compreso quello della specie umana. Nel primo, coincide la presenza di acido caprico e acido laurico. Nel secondo, si può dire che l’organismo lo sintetizza in quantità molto basse.

Sebbene lì si concentri la maggior parte dell'acido caprilico prodotto in natura, l'elenco delle materie in cui la sua presenza è costante, non sarebbe completo senza menzionare l'olio di palma e l'olio di semi di canapa.

Per il suo utilizzo nell'industria farmaceutica, la cui rilevanza è alta come vedremo più avanti, si ottiene principalmente sottoponendo l'olio di cocco o di palma ad un processo di idrolisi, dopo il quale si effettua una distillazione frazionata.

Le sue proprietà e benefici

Iniziamo riecheggiando il parere dell'Health Sciences Institute del Maryland (Stati Uniti), un'istituzione che riconosce nell’acido caprilico numerosi benefici per la salute umana. Ma prima di approfondire questo aspetto, in termini di proprietà fisiche diciamo che l'acido caprilico è parzialmente solubile in acqua e si nota per rilasciare un odore molto intenso tipicamente di rancido.

Da parte sua, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (in sigla, USDA) ha catalogato l’acido caprilico all’interno delle cosiddette sostanze GRAS (acronimo corrispondente a "generalmente riconosciuto come sano"), per cui si tratta di una sostanza facilmente assimilabile dall'organismo, facilmente digeribile e praticamente priva di tossicità. A quest'ultima contribuisce enormemente il fatto che si ossida nei mitocondri e altri compartimenti all'interno del citoplasma delle cellule, che libera l’organo disintossicante per eccellenza, il fegato, di carica tossica supplementare.

Gli acidi grassi a catena media come il caprilico, sono caratterizzati dalla loro capacità di favorire l'assorbimento di antiossidanti dal cibo e per attraversare più facilmente le membrane cellulari rispetto a quelli a catena lunga per una mera questione di dimensioni. Inoltre, per il loro uso efficace da parte dell’organismo non è necessario l’intervento di lipoproteine o enzimi specifici.

Uno dei posti all'interno dell'organismo in cui sembra apportare i maggiori benefici è lo stomaco. Si comporta come un bilanciatore dell'acidità di un ambiente il cui pH deve rimanere il più possibile costante perché da ciò dipende in parte il normale funzionamento del sistema immunitario. Di conseguenza, l'ingestione di acido caprilico è riconosciuta come una pratica che favorisce le condizioni adeguate dell'ambiente gastrico.

Il fatto che l'acido caprilico sia presente nel latte materno e faccia quindi parte della dieta di un neonato sembra avere una grande relazione con il suo potere di distruzione di agenti patogeni come batteri e funghi. Infatti si potrebbe dedurre che la natura abbia arricchito l'unico sostentamento dei neonati in allattamento con un antibiotico in grado di tenere lontani i microrganismi che costituiscono una seria minaccia per un sistema immunitario debole.

Ma le possibilità terapeutiche di questo composto non finiscono qui. Secondo quanto riferito dalla Physicians Desk Reference Guide to Nutritional Supplements, oltre a combattere le infezioni batteriche e quelle causate dai funghi, l'acido caprilico può avere un effetto molto positivo su un disturbo tanto diffuso come l'ipertensione, che a sua volta si comporta come fattore predisponente di una moltitudine di patologie.

Un'altra area in cui le aspettative sono molto promettenti per l'acido caprilico è il trattamento della malattia di Crohn. Le prove emerse dal lavoro di un team di ricercatori giapponesi sulle cellule umane hanno rivelato che questa sostanza ha un enorme potenziale per sostenere il trattamento di questa malattia infiammatoria intestinale, indirizzando la sua azione verso la causa principale del problema, che non è altro che il rilascio della IL-8 o interleuchina 8. Questa proteina, che svolge un ruolo decisivo nell'inizio del processo di infiammazione intestinale, verrebbe bloccata all'origine della sua sintesi e, di conseguenza, non si verificherebbe l'innesco della malattia.

Nel campo della supplementazione sistemica dell'acido caprilico, non esiste ancora abbastanza bagaglio scientifico per raccomandare il ricorso allo stesso.

Ma per quanto si sa, sembra chiaro che è consigliabile includere l'olio di cocco nella dieta abituale per la sola presenza di questo acido i cui benefici per la salute sono indiscutibili.

Ci sono dati affidabili, tra gli altri quelli raccolti in uno studio pubblicato sulla rivista "I lipidi pochi anni fa", che anticipano che probabili effetti di questo nella riduzione dei depositi di grasso addominale e nella normalizzazione dei livelli di colesterolo.

L'acido caprilico si è ritagliato uno spazio anche nei trattamenti di dissoluzione del calcoli biliari, nonché per accelerare il periodo di convalescenza dopo le operazioni chirurgiche o come terapia di mantenimento in alcune malattie croniche.

Inoltre, ultimamente si scommette, anche se con certe riserve, sull'uso dell'acido caprilico nel trattamento dell'epilessia (è considerato un'alternativa affidabile quando usato per convulsioni che non rispondono ai trattamenti convenzionali) e in quei pazienti in cui la capacità di assimilazione digestiva dei grassi sia deteriorata, dove viene utilizzato come integratore alimentare per via parenterale (iniezione).

Oltre alle sue possibilità nel campo della medicina, è interessante menzionare che è usato come pesticida e disinfettante nelle attrezzature per la lavorazione degli alimenti, come nei birrifici e nelle cantine, al fine di ottenere la massima sanificazione di questi. Con uno scopo simile ha applicazione in serre, vivai e centri ornamentali, dove viene utilizzato per prevenire o combattere la contaminazione da batteri, funghi o alghe.

Candidasi: azione specifica dell’acido caprilico contro questa

Ma, senza dubbio, il beneficio per la salute più apprezzato dalla comunità scientifica in relazione all'ingestione di acido caprilico è la capacità di controllare la proliferazione di un noto lievito, Candida albicans, uno dei cui habitat preferito è l'intestino crasso umano.

I lieviti sono un gruppo di esseri viventi che, in linea generale, appartengono al regno dei funghi e sono caratterizzati dall'essere unicellulari (almeno per la maggior parte della loro vita) e fermentare gli zuccheri. Alcuni sono benefici e non provocano malattie, ma sono noti per il loro contributo nell'industria alimentare, come per la produzione di pane o birra. Ma vi sono patogeni come la Candida, nel senso che sono agenti causali di malattie importanti.

Le proprietà dell'Acido Caprilico

La cosiddetta candidosi sistemica è un problema infettivo che di solito ha una prognosi grave e i cui sintomi durano di solito diversi mesi o anni, e tendono a diventare cronici. L'origine di questo processo non è facilmente identificabile dai professionisti della medicina convenzionale e, pertanto, non è raro che i pazienti cerchino una cura in terapie alternative in assenza di una diagnosi definitiva. Il problema di ciò risiede nel fatto che c'è un parallelismo o una sovrapposizione nel quadro clinico con disturbi di origine molto diversa come la fibromialgia, l'ipoglicemia e l'ipotiroidismo.

La genesi di questa malattia è da ricercarsi in un'esplosione nella crescita delle colonie di Candida nell'intestino crasso, circostanza che si verifica in condizioni di eccessiva permeabilità della sua mucosa (precedentemente nota come "intestino forato"). Questo deterioramento precedente dell'intestino dà alla sua parete una scarsa resistenza che lo rende facilmente attraversabile da sostanze che in condizioni di integrità non avrebbero l’opportunità di farlo. In questo caso, le tossine prodotte dal lievito Candida e dai suoi antigeni vengono assorbite e inizioano a circolare nel flusso sanguigneo, diventando un'aggressione al sistema immunitario.

Il meccanismo concreto con cui questo acido esplica la sua forte azione contro i funghi non è ancora noto con certezza, anche se la tesi più accettata si basa sul fatto che attacca la struttura molecolare della membrana cellulare, producendo praticamente la sua dissoluzione e, di conseguenza, alterando la permeabilità di questa membrana in modo letale, che innesca la morte cellulare. D'altra parte, le notevoli proprietà lipotropiche dell'acido caprilico lo rendono efficace contro la Candida depositata all'interno degli epiteli (tessuti di rivestimento dell’organismo).

Grazie alla sua tossicità bassa o nulla, l'acido caprilico si adatta perfettamente alle terapie antimicotiche a lungo termine, avendo dimostrato la sua efficacia non solo contro tutte le specie di Candida, ma anche contro altri generi di lievito come il Geotrichium e Rhodotorula.

Un aspetto molto interessante del suo arsenale terapeutico è la sua capacità di degradare i biofilm che alcuni funghi sviluppano in alcune parti del corpo. Stiamo parlando di membrane ultrafini composte da una colonia fungina, per lo più del genere Aspergillus (un tipo di muffa ambientale altamente patogeno), che ricoprone le pareti cellulari e invade i tessuti interi. All'interno di questi biofilm, il fungo, per la sua sopravvivenza, blocca l'azione di alcune proteine, in particolare immunoglobuline o anticorpi. Per raggiungere questo obiettivo, secerne un particolare tipo di enzima chiamato endonucleasi, che degrada gli anticorpi specializzati nell'azione immunitaria locale, noti come IgA, e quindi lascia inerme il tessuto interessato e può prosperare con la sua invasione.

Per questo motivo, l'acido caprilico è solitamente usato come sostanza naturale nei trattamenti per rallentare la moltiplicazione accelerata di lieviti e funghi nel colon, fondamentalmente in questo caso la Candida albicans.

Il suo effetto antimicotico è stato dimostrato in laboratorio già da decenni, attraverso test in vitro e su cavie da laboratorio, su un'ampia gamma di acidità dell’ambiente per dimostrarne la sua efficacia, in quanto si tratta di un pH compreso tra 2,5 e 8,5.

Altre situazioni cliniche che si verificano con una certa regolarità sono le infezioni della pelle da parte di lieviti, per le quali il risultato di trattamenti a base di acido caprilico possono essere descritti come eccezionali. Lo stesso si può dire di un disturbo abbastanza comune nelle donne, che è la candidosi vaginale, che provoca infiammazione della mucosa di questo dotto, cioè la vaginite.

I suoi possibili effetti collaterali

In un primo momento, non è raro che questi trattamenti generino sintomi di vertigini, nausea e dolori articolari in diverse articolazioni del paziente, ed è comune anche che si sperimenti una sensazione di disagio superiore a quella precedente l'inizio del trattamento una volta che questo sia iniziato, ma è qualcosa che deve essere preso come parte del processo: è nota come la reazione di Herxheimer, ed è dovuta alla progressiva distruzione delle cellule di Candida che porta al rilascio di sostanze di scarto con un potere tossico che rimane fino alla escrezione dello stesso da parte dell’organismo.

Nei momenti critici della morte del lievito, grandi quantità di tossine, detriti cellulari e antigeni vengono rilasciate contemporaneamente nel fluido intercellulare, ciò può durare al massimo un paio di settimane, ma molto probabilmente non raggiungerà la settimana. Pertanto, questa reazione non deve essere attribuita all'azione dell'acido caprilico come effetto collaterale della sua somministrazione (come si fa di solito), in quanto si tratta in realtà di una manifestazione positiva.

Se ci atteniamo a quelli che sono gli effetti collaterali nel senso letterale del termine, possiamo garantire che, quando somministrato nelle quantità raccomandate, l’acido caprilico non ne presenta.

Nel caso di eccedere le dosi prescritte e il suo margine di sicurezza (che è diversi multipli della dose raccomandata), sono state descritte irritazioni allo stomaco e nausea, che potevano anche essere evitate se l'overdose viene ingerita con del cibo.

Questi effetti collaterali devono essere contrastati con quelli associati con l'ingestione di altri acidi grassi meno tollerati, che spesso causano gonfiore addominale e dolore, vomito e diarrea, a vari livelli di intensità.

E' indispensabile fare menzione, come situazione molto particolare, alle possibili reazioni avverse generate in quei pazienti che seguono diete chetogeniche per controllare l'epilessia, in cui sono state descritte ipocalcemia, acidosi, letargia e formazione di calcoli renali, ma in ogni caso non sembra chiaro che si tratti di effetti direttamente correlati all'acido caprilico, in quanto è possibile che vi sia incompatibilità del suo utilizzo con persone che soffrono di un certo grado di deterioramento dei reni.

Allo stesso tempo, si consiglia di non assumere questa sostanza, per precauzione, a chi soffra di bassa pressione sanguigna, insufficienza epatica o condizioni simili e di un'alterazione molto specifica e molto rara: la carenza dell'enzima acetil-CoA deidrogenasi a catena media, che interviene nel metabolismo di questo acido.

Per quanto riguarda la sicurezza dell'uso sistematico e prolungato degli integratori di questo acido, i riferimenti scientifici validi sono ancora molto scarsi, ma c'è un certo sospetto che possano innescare effetti collaterali simili a quelli descritti per quanto riguarda l'ingestione generica di abbondanti quantità di acidi grassi, come nausea, stitichezza/diarrea, bruciore di stomaco e cattiva digestione.

Naturalmente, l'acido caprilico non fa eccezione alle precauzioni che devono essere sempre prese in bambini, donne incinte e in allattamento, e in persone soggette a disturbi di stomaco.

Interazioni descritte

Anche se non può essere classificato come effetto collaterale e non è ancora stato dimostrato in modo affidabile sugli esseri umani, è probabile che l'acido caprilico alteri la capacità di disintossicare ed eliminare un insetticida chiamato carbaril, che appartiene al gruppo dei carbammati, ampiamente utilizzato nelle formulazioni abituali degli insetticidi per uso domestico. Ciò creerebbe una certa suscettibilità alla sua esposizione.

E sebbene manchino i dati per sostenerlo al 100%, l'acido caprilico potrebbe interagire con sostanze inotrope (cioè quelle che agiscono a favore della contrazione muscolare), anticoagulanti come il warfarin e antinfiammatori non steroidei come l'indometacina o il fenilbutazone.

Ha un certo grado di interazione con i farmaci antiipertensivi, come il coenzima Q10 e l'aminoacido L-arginina. Si raccomanda pertanto cautela a coloro che consumano abitualmente preparati contenenti questi agenti.

Ingrediente Acido Caprilico

Come si deve prendere l’acido caprilico

Le dosi terapeutiche comunemente prescritte di acido caprilico vanno dai 350 milligrammi ai due grammi (di solito non più di un grammo), presi frazionatamente, durante i pasti, durante tutta la giornata.

Per evitare la reazione di Herxheimer di cui si è parlato precedentemente, è meglio aumentare gradualmente la dose fino a completare la dose giornaliera stabilita per il caso specifico in un periodo di tempo ragionevole. Poiché, se si tratta di un'infezione intestinale, i lieviti si mimetizzano nelle pieghe più interne della parete del colon, il trattamento può durare diversi mesi (non si può escludere che possa superare un anno nei casi più ribelli).

Tale durata dipende dalle condizioni del paziente e dal momento in cui viene affrontata la malattia.

Data la loro tendenza ad essere facilmente assorbiti attraverso la parete intestinale dell'intestino tenue, vengono normalmente utilizzate formulazioni di acido caprilico a rilascio prolungato, che sono protette da un rivestimento che le rende resistenti ai succhi digestivi, in modo che il loro rilascio avvenga nell'intestino crasso, dove si concentra massicciamente la popolazione di Candida. D'altra parte, a seconda dell'idiosincrasia del paziente, c'è il rischio che l'acido raggiunga la sua destinazione non come sostanza isolata ma in combinazione con altri acidi grassi, perdendo gran parte della sua funzione terapeutica. Da qui la stretta necessità di prenderlo in capsule rivestite, tra le quali le migliori,attualmente sembrano essere le capsule di gel.

Grazie all'effetto regolatore della digestione e all'influenza dell'acido caprilico sulla condizione della pelle, l'olio di cocco, la sua principale fonte in natura, è riconosciuto come un grande integratore nutrizionale.

Un buon modello alimentare sarebbe quello di arricchire la colazione con un cucchiaino di olio di cocco o di condire le insalate con esso.

Sul mercato possiamo trovarlo in capsule (dove si presenta in forma liquida) e in compresse. La verità è che queste ultime sono quasi sconsigliate per le persone che soffrono di candidosi, in quanto sono derivate da prodotti lattiero-caseari. Poiché l'acido caprilico è molto liposolubile, si consiglia di consumarlo con olio d'oliva, olio di semi o acidi grassi omega-3.

Sue possibili combinazioni

Uno degli elementi collaterali che dobbiamo tenere in considerazione quando ci avviciniamo ad un trattamento contro il lievito Candida è la dieta, con la quale possiamo inconsciamente contrastare l'azione dell'acido caprilico per la presenza di sostanze che favoriscono la crescita del lievito o per lo spreco di alcuni fattori che possono aiutarci a combatterlo:

  • Una misura vitale è l’eliminazione dello zucchero, in quanto è il substrato principale che questo germe utilizza per la sua nutrizione. 
  • L'aggiunta di probiotici rappresenta un'arma letale contro le popolazioni di Candida. Questa può essere fatta attraverso alimenti ricchi di bifidobatteri, con il cui contributo si ottiene l’aumento della flora intestinale che compete con i lieviti nell'intestino crasso. Qualcosa di simile si può dire per i batteri di tipo Lactobacillus, un buon probiotico che si comporta in sinergia con il precedente. 
  • Inoltre, è interessante introdurre alimenti ricchi di L-glutammina (come carni e pesci poco cotti, uova e cereali integrali), un amminoacido che è particolarmente necessario quando si richiede di aumentare la risposta immunitaria a livello dell'epitelio intestinale e in situazioni di eccessiva permeabilità intestinale.
  • È utile un'integrazione di base con un complesso multivitaminico ricco di vitamina C.

L'acido caprilico, anche se efficace da solo, funziona meglio in combinazione, in quanto riduce le possibilità che il lievito Candida si abitui ad esso e imparari a schivare la sua azione. Pertanto è opportuno associarlo ad altri antimicotici naturali quali l'aglio, l'olio di origano o l'estratto di semi di pompelmo. In particolare, l'estratto d'aglio è molto interessante perché è un antimicotico e antisettico per eccellenza. Infatti, uno studio condotto dall'Huntington College of Health Sciences ha rivelato una specifica attività dell'aglio contro la Candida, fermandone la crescita.

L'approccio più consigliabile nel momento di pianificare un trattamento consiste nell’utilizzare due o tre composti antimicotici contemporaneamente per tagliare le vie di resistenza che la Candida albicans possa offrire e, in modo alternato, prendere diversi integratori contenenti acido caprilico come ingrediente principale.

Suscríbete al newsletter y consigue un 15% Dto en tu primera compra.
x