Carnosina - Efficace agente cellulare Anti-invecchiamento Blog di Fitness, Nutrizione, Salute e Sport | Blog HSN
Home / Integratori / Antiossidanti / Carnosina – Tutto quello che devi sapere
Antiossidante carnosina

Carnosina – Tutto quello che devi sapere

Indice

La carnosina può ritardare l’invecchiamento della pelle, e cosa ancora migliore, può arrivare a ringiovanire le cellule della pelle. Quando parliamo di anti invecchiamento, la maggior parte di noi pensa a costosi trattamenti cosmetici. Possiamo spendere molti soldi in creme che promettono effetti miracolosi e alla fine ottenere risultati insoddisfacenti o che hanno effetti temporanei minimi.

Perchè la pelle delle persone anziane ha un aspetto diverso rispetto a quella della gente giovane?

La salute della pelle obbedisce ad un processo che si origina dall’interno verso l’esterno. Sebbene possiamo migliorare l’aspetto della pelle mediante l’applicazione di creme ad uso esterno, non possiamo ignorare i trattamenti che comprendono il ringiovanimento della pelle dall’interno.

Le nuove ricerche scientifiche, stanno sempre cercando il modo di approcciare il trattamento cutaneo dall’interno, analizzando gli elementi essenziali che causano il processo dell’invecchiamento e cercando di trovare soluzioni basate sulla scienza e non sulle mere promesse pubblicitarie del mondo della cosmetica.

Carnosina, un agente antietà che agisce dall’interno

Uno dei motivi per cui, con il passare del tempo, la pelle perde il suo aspetto teso e giovane si deve ai cambi che sperimentano le proteine del corpo umano. Le proteine sono le responsabili del funzionamento di tutti gli organismi viventi, per cui qualsiasi danno che soffrano influenza tanto le funzioni corporee come l’aspetto esterno del corpo.

Molti risultati delle ricerche realizzate nell’ultima decade hanno dimostrato che l’alterazione delle proteine è la principale causa delle malattie degenerative e proprie della vecchiaia. Questa alterazione si produce per l’ossidazione (dovuta all’effetto nocivo dei radicali liberi), e per la glicazione, che si genera quando il glucosio (zucchero) si associa in forma anormale con le proteine.

La carnosina è l’integratore alimentare antietà più importante

È l’integratore alimentare più importante che si possa trovare attualmente sul mercato. Questa sostanza è un aminoacido che si produce, in modo naturale, nello stesso organismo. Fu scoperto più di cent’anni fa.

Nonostante si utilizzi da molto tempo in Russia, recentemente ha suscitato l’attenzione dei ricercatori di tutto il mondo, grazie al suo provato effetto antietà.

Cos’è la carnosina?

Rappresenta il paradosso della vita: “Gli elementi che danno la vita, come l’ossigeno, il glucosio, i lipidi, le proteine e i metalli pesanti, sono anche quelli che la distruggono”.

È una combinazione dei due aminoacidi, beta alanina e istidina. Si genera in modo naturale nei tessuti dell’organismo, come i muscoli e il cervello e la sua concentrazione diminuisce con l’età.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Come funziona?

La carnosina è un potente antiossidante che protegge l’organismo dagli effetti dannosi causati dai radicali liberi

In primo luogo, è un captatore di radicali liberi che protegge le salute delle nostre cellule dai danneggiamenti. Utilizzata insieme alla vitamina E e altri antiossidanti ha un effetto ottimale.

Prolunga la vita delle cellule (protegge contro la glicosilazione proteica)

In secondo luogo, la carnosina riduce la degradazione delle proteine e del DNA causata dalle molecole di zucchero, mediante il processo conosciuto come glicosilazione. L’importanza di questo processo è stata scoperta recentemente.

Le combinazioni anormali degli zuccheri e delle proteine sono molto tossiche e contribuiscono a scatenare malattie legate con l’età, come il diabete, la cardiopatia, gli ictus, il morbo di Alzheimer, la demenza senile e la vecchiaia cutanea. Questa sostanza può aiutare a prevenire il danno causato dalla glicosilazione e libera l’organismo da sostanze tossiche affinchè funzioni in forma ottimale.

Radicali liberi

Libera il corpo dai metalli pesanti tossici (chelazione)

In terzo luogo, la carnosina individua le sostanze tossiche prodotte dal metabolismo e le elimina dal corpo. Stabilizza le cellule e fa si che siano più resistenti a qualsiasi tipo di danno, per cui si rafforza il sistema immunitario.

Quando si notano gli effetti della carnosina?

Le prove cliniche realizzate hanno dimostrato che si producono effetti tangibili nell’aspetto della pelle e che, dopo due mesi di trattamento con carnosina, la persona sperimenta un aumento dell’energia e la vitalità.

Altri benefici della carnosina

Ha altri benefici sull’organismo: antietà, ringiovanimento della pelle, aumento della potenza sessuale, longevità e, allo stesso modo, tratta e allevia l’invecchiamento e la disfunzione muscolare, le cataratte, il diabete e le malattie cardiovascolari, neurologiche e mentali.

Aumenta l’energia e la vitalità

Per molti anni, gli atleti e i nuotatori russi hanno assunto carnosina per aumentare la loro energia e resistenza nelle competizioni. Questo gli ha permesso di avvantaggiarsi rispetto ai rivali. Molte persone che prendono questa sostanza hanno descritto i suoi effetti come un aumento considerevole nella loro energia quotidiana.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Importanza della carnosina

L’interesse su questa sostanza è aumentato negli ultimi anni. Molti esperti si augurano che nel futuro la carnosina venga usata come trattamento abituale per tutti, specialmente per le persone con più di 40 anni.

Negli USA e in Gran Bretagna si stanno già consigliando, da parte degli specialisti in nutrizione, gli integratori di carnosina come miglior trattamento antietà. Non ha effetti collaterali conosciuti nè è incompatibile con altri farmaci.

Le ricerche realizzate in laboratorio hanno dimostrato gli effetti benefici nel processo di senescenza cellulare (la fine del ciclo di vita delle cellule al dividersi) dove si è verificato che ha la capacità di ringiovanire le cellule quando si avvicinano alla senescenza, facendo si che si ripristini il loro funzionamento normale e che la loro vita si prolunghi.

La carnosina ringiovanisce le cellule

Sebbene non si conosca il funzionamento esatto, si sa che contrasta il processo di invecchiamento delle cellule e dei tessuti.

Come integratore alimentare si presenta in formato di capsule. Non si sono osservati effetti collaterali e può essere assunta insieme ad altri integratori alimentari.

Carnosina, farmacologia e biochimica

È una sostanza naturale al 100%. È un dipeptide formato da due amminoacidi (ß-alanil e L-istidina). Si chiama spesso neuropeptide, a causa delle sue proprietà come protettore cerebrale.

Si trova nei muscoli sani, cuore, cervello, fegato, reni e altri tessuti dell’organismo. I muscoli contengono circa 20 mol/g. Più carnosina contengono i tessuti e gli organi, più lunga è la loro vita utile, in quanto si tratta di un potente caotatore di radicali liberi che previene l’invecchiamento cellulare.

Agisce, insieme ad altri collettori biologici di radicali liberi, come la vitamina E, la vitamina C, lo zinco e il selenio, per ridurre l’invecchiamento dei tessuti. Le persone con carenza moderata di vitamina E dovrebbero aumentare i loro livelli di carnosina. Studi epidemiologici in tutto il mondo hanno rivelato che gran parte della popolazione presenta carenza di vitamina E.

Nel corpo umano la sintesi di questa sostanza è formata dagli amminoacidi alanina e istidina. Questa reazione avviene principalmente nel cervello e nei muscoli. Un altro gruppo di enzimi, chiamati dipeptidasi o carnosinasi, sono prodotti nel sangue e in altri tessuti.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Carnosina nell’alimentazione

Nei prodotti alimentari, la fonte principale si trova nella carne. Usata a scopi terapeutici, sono necessarie dosi elevate di carnosina perché quando raggiunge l’organismo si decompone naturalmente nell’enzima carnosinasi. Un apporto alimentare dal 30 al 70% (a seconda della quantità di aminoacidi presenti nei diversi tipi di carne) corrisponde a un integratore alimentare a base di L-carnosina pura al 70%.

Gran parte dell’assimilazione avviene nell’intestino tenue, da dove viene trasportata ai muscoli, al cervello e ad altri tessuti. Il plasma umano non contiene quantità rilevabili, vale a dire che il suo contenuto e la sua carenza nel corpo non possono essere analizzati con un esame del sangue.

Il plasma dei cavalli contiene circa 100 mol/l di carnosina e, a differenza degli esseri umani, il suo contenuto è rilevabile nel sangue. Quando un cavallo presenta lesioni muscolari, la quantità nel plasma aumenta, e di conseguenza, questo indicatore può essere utilizzato per rilevare e diagnosticare danni muscolari nei cavalli.

Carne di vitello

Funzioni biologiche della carnosina

  • Funzioni biologiche della carnosina
  • Frena gli effetti nocivi dell’acido lattico nei muscoli (grazie a questo il pH si mantiene nei suoi livelli ottimali, anche durante l’allenamento intenso)
  • Ha effetti antiossidanti molto potenti, che proteggono diversi organi e tessuti
  • Elimina i radicali liberi e disattiva il danno ossidativo delle cellule
  • Previene contro il processo di glicazione
  • Funziona come un neurotrasmettitore
  • Protezione contro proteasomi
  • Attacca le aldeidi reattive
  • Interviene nella chelazione o eliminazione dei metalli pesanti
  • Ha un effetto preventivo contro la carbonilazione delle proteine

Riassunto delle proprietà

La carnosina non solo attacca le aldeidi reattive, ma rimuove anche i residui tossici dall’organismo (come proteine danneggiate, zuccheri e fosfolipidi disaccoppiati) e agisce come fattore chiave nella costruzione di nuove strutture cellulari molto più robuste.

Come integratore alimentare, aiuta a controllare molte malattie, come il diabete, aterosclerosi, Alzheimer, Parkinson, epilessia, autismo, dislessia, ADHD, schizofrenia e altre sindromi, come vedremo di seguito.

Il rame e lo zinco vengono rilasciati durante la normale attività sinaptica. In condizioni leggermente acide, tipiche del morbo di Alzheimer, sono ridotti alle loro forme ioniche e sono tossici per il sistema nervoso. La ricerca clinica ha dimostrato che può attenuare la tossicità del rame e dello zinco nel cervello.

Studi clinici in vitro (in provette) hanno dimostrato che previene la glicazione non enzimatica e la reticolazione delle proteine prodotte da aldeidi reattive, tra cui aldoso, chetoso, zuccheri, triosio glicolitico e malondialdeide (MDA).

La carnosina previene anche contro la glicazione avanzata indotta da MDA e la formazione di legami incrociati DNA-proteina derivanti da acetaldeide e formaldeide.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Storia della carnosina, la sua scoperta ed evoluzione

Fu scoperta nel XX secolo dallo scienziato russo WS Gulewich, che stabilì anche la sua struttura. La carnosina è l’esempio più semplice di peptidi biologicamente attivi (in realtà, dipeptidi), e apre la lunga lista di regolatori proteici naturali nel metabolismo.

I primi decenni furono dedicati allo studio della struttura, della distribuzione e delle proprietà. Così, si scoprì che è direttamente collegata al funzionamento dei tessuti più sensibili, come i muscoli e il cervello.

Nel 1953 un altro scienziato russo, S.E. Severin, scoprì la sua efficacia nel ridurre l’acido lattico, che causa affaticamento, quando si pratica bodybuilding o allenamento intensivo. Di conseguenza, aumenta la prestazione muscolare e la resistenza.

Quando si accumula l’acido lattico, il pH diminuisce e i muscoli si affaticano. Se si apporta carnosina al corpo, i muscoli si riprendono quasi immediatamente e si contraggono, come se non si fossero mai esauriti. Questo è noto come il “Fenomeno Severin“.

Se si pratica sport o atletica si sa che la fatica riduce notevolmente le prestazioni fisiche, da questa considerazione si può evincere la grande importanza di assumere integratori alimentari nelle gare e negli eventi sportivi.

L’interesse diffuso per questa sostanza naturale è recentemente aumentato grazie alle ultime scoperte, che hanno dimostrato il potente effetto antiaging. Anche se conosciamo la carnosina da quasi un secolo, le sue proprietà anti invecchiamento non sono state studiate in dettaglio fino ad ora.

I risultati più sorprendenti della ricerca provengono da uno studio clinico condotto negli Stati Uniti nel 2002 dal team del Dr. Michael Chez, che ha dimostrato gli effetti sorprendenti della carnosina sui bambini autistici. Questo studio può essere consultato nella banca dati MEDLINE, insieme ad altri 900 studi pubblicati su questa sostanza.

Storia della carnosina come medicinale e integratore alimentare

Ha un’ampia gamma di applicazioni terapeutiche. I suoi effetti furono riconosciuti nel trattamento dell’artrite precoce nel 1935. Ha la notevole capacità di rallentare i processi cellulari ed enzimatici quando si producono troppo velocemente e di accelerarli quando siano troppo lenti.

Gli studi recenti hanno dimostrato anche che una combinazione di zinco e carnosina protegge il rivestimento dello stomaco contro diversi stimolanti e previene la comparsa di ulcere. Per esempio, la carnosina stabilizza la coagulazione delle piastrine in pazienti con tendenza ad una coagulazione anormale.

Ha effetti protettori sulle membrane cellulari del sangue e prolunga la sua sopravvivenza. Stabilizza anche la membrana cellulare e protegge contro l’anemia emolitica indotta chimicamente.

Integratori di carnosina

Riassunto dei benefici

  • È una sostanza totalmente sicura che possiamo trovare, in forma naturale, nello stesso organismo e negli alimenti
  • Realizza una eccellente protezione dei cromosomi di fronte al danno ossidativo
  • È un collettore di radicali liberi molto versatile e un collettore di aldeidi
  • Combatte la glicazione in modo naturale ed efficace
  • Sopprime la perossidazione lipidica
  • Intercetta l’idrossilo, il superossido e i radicali del perossilo
  • Evita la formazione di AGEs
  • Protegge le proteine contro la tossicità degli AGEs
  • Protegge le proteine dalle reticolazioni
  • È un elemento multifunzionale e protegge i fosfolipidi
  • Protegge contro la formazione dei carbonili proteici, l’indicatore del danno nelle proteine
  • Evita il danneggiamento delle proteine attraverso la protezione dei proteosomi
  • È benefica in pazienti con spettri autistici
  • Aiuta a mantenere il livello normale di proteine
  • Prolunga di un 20% la vita dei topi con invecchiamento precoce
  • Protegge le cellule del cervello dall’eccitotossicità
  • Protegge le proteine e la biochimica del cervello
  • Controlla le funzioni biochimiche del cervello
  • Aumenta la vita delle cellule
  • Protegge il cervello da malattia che producono alla sovraproduzione di radicali liberi
  • Protegge contro la tossicità dei metalli pesanti
  • Protegge il cervello, in modo naturale, dalla tossicità del rame e dello zinco
  • Migliora considerabilmente il comportamento e l’aspetto dei topi di età avanzata
  • Ringiovanisce le cellule umane senile in coltivazione
  • Restaura le cellule che si avvicinano alla senescenza
  • Ha effetti chelanti sul rame e sullo zinco
  • Previene e allevia l’Alzheimer
  • Previene la formazione delle placche beta-amiloidi, che causano l’Alzheimer

Proprietà della carnosina come superpeptide

È un neuropeptide degli aminoacidi alanina e istidina (beta-alanil-L-istidina). Si produce in modo naturale nel corpo umano e si trova nel cervello, nei tessuti innervati, nel cristallino degli occhi e nel tessuto muscolare dello scheletro umano.

In studi realizzati in laboratorio si è dimostrato che protegge le cellule contro lo stress ossidativo, rinforza la resistenza di fronte allo sfinimento funzionale e diminuisce i lineamenti della vecchiaia.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

I meccanismi di protezione hanno i seguenti effetti:

  • Buffer di protoni (mantenimento dell’equilibrio del pH nei muscoli durante l’allenamento intensivo)
  • Chelazione dei metalli pesanti (in particolare del rame e dello zinco)
  • Ferma gli effetti dei radicali liberi e delle molecole degli zuccheri attivi (previene la glicazione e la carbonilazione di proteine)
  • Evita la modificazione delle biomolecole e lo stress ossidativo
  • Concentrazioni fisiologiche (20-30 micromoli o MM)
  • Estende la vita dei fibroblasti umani in vitro e riduce i processi della senescenza (vecchiaia). In animali da laboratorio, migliora l’aspetto e l’aspettativa di vita.

Aiuta a trattare le malattie legate all’età, fra le quali si includono:

  • Perdita di massa muscolare
  • Degenerazione neurologica (Alzheimer, Parkinson, epilessia, depressione, schizzofrenia, deterioramento cognitivo lieve, demenza e apoplessia)
  • Disturbi dello spettro autistico, sindrome di Asperger, TDAH e dislessia, senescenza cellulare (invecchiamento)
  • La reticolazione della lente dell’occhio (cataratte)
  • Stabilimento di una rete di collagene della pelle (invecchiamento della pelle)
  • Glicazione avanzata (AGE)
  • Aumento delle proteine dannose
  • Perdita della massa muscolare
  • Problemi della circolazione sanguigna nel cervello (ictus)
  • Malattie cardiovascolari
  • Diabete e sue complicazioni

L’uso di carnosina come integratore alimentare multifunzionale è relativamente nuovo. Il suo straordinario potere fisiologico come superantiossidante 100% naturale ha numerose funzioni biologiche, includendo:

  • Il suo effetto antiossidante, universale e versatile
  • Aiuta a dare vitalità ai muscoli
  • Aumenta la forza muscolare e la resistenza alla fatica
  • Favorisce il recupero più rapido dopo gli sprint
  • Previene il danno cellulare causato dall’alcool

Effetti collaterali

La carnosina non ha effetti collaterali conosciuti. Non è tossica per l’organismo.

Vuoi comprare integratori di carnosina al miglior prezzo? Clicca qui ed accedi al negozio online di HSN

Carnosina, il caccia radicali liberi più completo ed efficace

È un caccia radicali liberi che stabilizza la membrana cellulare e la protegge. In particolare, previene la perossidazione causata dai radicali liberi all’interno della membrana cellulare.

Molti antiossidanti (come le vitamine E e C) hanno lo scopo di impedire ai radicali liberi di entrare nei tessuti, ma una volta che il primo strato di protezione è stato abbattuto, non possono più impedire ai radicali liberi di causare danni ossidativi alle cellule.

Non solo ha questa prima funzione preventiva, ma agisce anche quando i radicali liberi e altri elementi pericolosi, come i perossidi lipidici, sono già penetrati nei tessuti. In questo senso la carnosina è molto più potente, efficace e completa, perché protegge tutte le cellule dell’organismo anche in questa “seconda tappa”.

La perossidazione lipidica è una reazione per la quale si degradano i lipidi e possono produrre malondialdeide o MDA, una sostanza molto pericolosa se non controllata, in quanto può danneggiare gli enzimi e il DNA, causando aterosclerosi, artrite, cataratta e invecchiamento generale.

Risponde di fronte all’MDA disattivandone gli effetti dannosi e proteggendo le cellule e le molecole proteiche dallo stress ossidativo. La carnosina reagisce chimicamente contro tutti gli attacchi reattivi dell’ossigeno, evitando così lo stress ossidativo.

Una proprietà antiossidante piuttosto insolita è la sua capacità di ridurre i livelli di sostanze reattive all’acido tiobarbiturico (TBARS).

Protegge il funzionamento dei principali blocchi strutturali dell’organismo- cellule, DNA e lipidi – e garantisce che durino più a lungo in condizioni perfette, favorendo così la longevità.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Una difesa essenziale

La funzione è quella di proteggere tutti i tessuti dell’organismo dall’ossidazione. Quando si verifica uno stress ossidativo, i livelli nell’organismo sono ridotti. Questo aumenta la mortalità negli anziani dopo eventi stressanti. Per questo motivo, avere una difesa antiossidante è essenziale per la salute, in particolare per gli anziani.

È la soluzione completa per prevenire l’invecchiamento cellulare, ed è molto più efficace rispetto alla moltitudine di farmaci che prendiamo ogni giorno. Inoltre, le proprietà antietà della carnosina vanno ben oltre il suo potente potere antiossidante, come vi spiegheremo di seguito.

La carnosina e le sue proprietà nella chelazione dei metalli pesanti

Molti ricercatori sono arrivati alla conclusione che gli effetti positivi sulla salute -almeno in parte- si devono ai suoi effetti di chelazione dei metalli pesanti dell’organismo.

Proprietà della carnosina

Cosa significa chelazione in parole semplici?

Il termine “chelato” deriva dalla parola “chele”, che in greco significa “artiglio”, e si riferisce alla capacità di una sostanza di rimuovere l’eccesso di metalli pesanti (tossici) depositati nelle cellule e nel sangue, favorendo la loro espulsione attraverso il fegato e i reni.

Il processo di chelazione è generalmente eseguito mediante la somministrazione di varie sostanze endovenose contenenti EDTA disodico e penicillina. La chelazione è tradizionalmente utilizzata nella medicina del lavoro per rimuovere dal corpo i metalli pesanti tossici, come il piombo.

Sia nella medicina del lavoro che in quella tradizionale non esiste un trattamento alternativo alla chelazione. La chelazione è utilizzata anche nelle cliniche private come coadiuvante del trattamento di altre malattie diverse dall’intossicazione da metalli pesanti, in quanto produce i seguenti benefici:

  • Allargare le pareti arteriose strette
  • Ridurre la pressione sanguigna elevata
  • Eliminare i metalli pesanti e tossici dal corpo
  • Migliorare il flusso di sangue al cuore, al cervello, alle gambe e a tutti gli organi
  • Ridurre i radicali liberi
  • Alleviare il dolore delle estremità
  • Migliorare l’assorbimento dell’ossigeno nelle cellule
  • Aumentare l’elasticità dei vasi sanguigni
  • Migliorare la memoria
  • Migliorare il funzionamento degli enzimi

I vaccini, il mercurio e la carnosina

In relazione con la vaccinazione, il processo di chelazione che provoca la carnosina può essere cruciale, dato che elimina in modo naturale il mercurio organico (thiomersal o thimerosal) contenuto nei vaccini.

Il mercurio organico si include nella maggior parte dei vaccini come conservante antimicrobatterico, sebbene sia riconosciuto come sostanza tossica dalla decade degli anni trenta, dato che attacca il sistema nervoso centrale.

A causa di ciò si consiglia, tanto in adulti come in bambini che siano stati vaccinati, l’assunzione di carnosina, il prima possibile, per eliminare dal rocpo il thimerosal tossico dei vaccini.

L’ateriosclerosi e il suo trattamento mediante la chelazione con EDTA

La chelazione è diventata il trattamento “alternativo”, scoprendo che l’EDTA è efficace nell’eliminazione dei metalli pesanti e delle sostanze tossiche depositate nel sangue. Alcuni ricercatori credono che mediante questo metodo si possa eliminare la placca depositata nelle pareti arteriose.

La prima volta che si consigliò il trattamento di EDTA per combattere l’ateriosclerosi fu nel 1956 quando Clarke e Mosher scoprirono che le persone che soffrono della malattia arteriosa periferica occlusiva, si sentivano meglio dopo essere state trattate con EDTA.

Carnosina e chelazione: riassunto

È un integratore alimentare che offre le stesse proprietà chelanti dell’EDTA, con un semplice trattamento orale, molto più comodo ed economico. Ha la capacità di eliminare dall’organismo i metalli ossidanti, come il rame e lo zinco; e i metalli pesanti e tossici, come piombo, mercurio, cadmio e nichel.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

La carnosina e l’anti invecchiamento (prevenzione della glicazione)

Previene il processo di glicazione (vecchiaia), per cui è molto utile per la prevenzione e il trattamento del diabete, le cataratte, le malattie nervose, l’arteriosclerosi e l’insufficienza renale.

Le ultime ricerche cliniche hanno dimostrato che l’effetto più importante della carnosina è la sua efficacia contro la glicazione, per cui è utile anche per le persone di tutte le età, dato che evita, in generale, il processo della vecchiaia.

Cos’è la glicazione?

Proviamo a spiegare questo processo in modo semplice.

  • Ogni secondo nel nostro organismo avviene un processo distruttivo chiamato glicazione.
  • La glicazione ha origine quando la molecola di una proteina viene modificata da una molecola di glucosio (zucchero), producendo una reazione nociva che non è di alcuna utilità per l’organismo.
  • La glicazione modifica la struttura delle proteine e riduce la loro normale attività biologica.
  • Le proteine che sono state sottoposte al processo di glicazione si accumulano nel tessuto interessato e causano malattie. La maggior parte delle malattie legate all’età, come l’indurimento delle arterie, il rischio cardiovascolare, le cataratte e i disturbi neurologici, sono almeno in parte dovute alla glicazione.

Carnosina, anti-glicazione

La carnosina previene la glicazione e svolge un ruolo essenziale anche nella rimozione delle proteine che hanno già subito il processo di glicazione e non sono utili per l’organismo. Si lega alle molecole danneggiate e procede alla loro rimozione dalle cellule.

La glicazione, nota in biochimica come reazione di Maillard, avviene tra proteine e glucosio ed è riconosciuta come una delle cause più importanti del processo di invecchiamento e forse uno dei fattori scatenanti del cancro e delle complicanze del diabete. Il glucosio fornisce il carburante per la glicazione. La combinazione dannosa di proteina/glucosio, dopo diversi passaggi, porta all’ossidazione e glicazione avanzata chiamata AGEs.

Una volta formatisi, gli AGEs interagiscono con le proteine vicine e formano reticoli patologici che induriscono i tessuti. È stato ipotizzato che nessun’altra molecola abbia effetti tossici sulle proteine come le sostanze finali della glicazione avanzata. Nel caso dei diabetici, una quantità eccessiva di EFA viene prodotta prima rispetto ai non diabetici.

Questo processo interrompe la normale funzione degli organi e indurisce rapidamente le arterie, soprattutto nelle persone con diabete.

AGEs, creatore dei radicali liberi

La glicazione avanzata (AGEs) produce una reazione di danno a catena nelle cellule. Una delle conseguenze più dannose degli AGEs è un aumento di oltre il 50% nella formazione dei radicali liberi. Così come il diabete provoca un invecchiamento accelerato, anche l’indurimento delle arterie, danni alla retina e al cristallino oculare e danni ai reni e ai nervi periferici.

La glicazione causa danni glomerulari e infiammazione nei reni. La glicazione può causare anche cataratta (una complicanza del diabete). Gli inibitori della glicazione come la carnosina e il piruvato di calcio possono prevenire tali danni. Inoltre, l’assunzione di inibitori della glicazione permette di evitare molti dei problemi causati dall’invecchiamento.

Poiché la struttura della carnosina è simile a quella degli elementi attaccati dalla glicazione, può svolgere la sua funzione protettiva contro la glicazione. Inoltre, promuove anche l’eliminazione delle proteine danneggiate che sono inutili e dannose per l’organismo.

Per i suoi effetti antiglicazione, è molto utile per la prevenzione e la cura del diabete e delle sue complicanze, come cataratta, arteriosclerosi, malattie nervose e insufficienza renale. È anche molto efficace per tutti in generale, perché gli AGEs (glicazione avanzata) producono la vecchiaia, anche se a un ritmo più lento rispetto ai diabetici.

Perchè l’aspetto degli anziani è così diverso dalle persone giovani?

Mentre andiamo invecchiando, il nostro aspetto esteriore cambia. Ciò è dovuto alla alterazione che si verifica nelle proteine del corpo. Le proteine sono le sostanze basiche responsabili del funzionamento degli esseri viventi. Come risultato, la degradazione delle proteine ha un effetto importante sull’aspetto del corpo.

Studi clinici condotti negli ultimi dieci anni hanno dimostrato che i cambiamenti nelle proteine sono la causa della vecchiaia e delle malattie degenerative. Questi cambiamenti sono il risultato dell’ossidazione (da parte dei radicali liberi) e dei processi legati alla glicazione.

Il nostro corpo è costituito principalmente da proteine. Poiché il corpo non può proteggersi completamente dallo stress ossidativo, dalla glicazione o dalla carbonatazione, le proteine del nostro corpo vengono gradualmente distrutte con l’avanzare dell’età. In altre parole, i gruppi carbonilici (> C = O) si legano alle molecole proteiche (e ai fosfolipidi), causando la degradazione delle proteine (proteolisi).

La carbonatazione delle proteine innesca un processo tossico che porta alla morte e all’invecchiamento delle cellule.

La costante degradazione delle proteine (proteolisi) porta all’ossidazione, carbonatazione, reticolazione, glicazione e, infine, glicazione avanzata (AGE). Questo invecchiamento delle proteine e delle cellule colpisce anche l’aspetto esterno, come l’invecchiamento della pelle, cataratte e sintomi associati a malattie neurodegenerative come la perdita di memoria e la demenza.

Numerosi studi scientifici pubblicati da ricercatori di tutto il mondo dimostrano che la carnosina è efficace contro tutte queste forme di degradazione proteica.

Reagisce con il gruppo carbonile e forma un legame inattivo proteina-carbonil-carnosina, proteggendo le proteine e prevenendo la loro degradazione.

Perchè ha effetti protettivi?

La carnosina ripristina semplicemente la normale funzione del ciclo cellulare.

  • Per capire come funziona, possiamo confrontare il processo di invecchiamento cellulare con quello di un motore il cui olio non viene cambiato regolarmente.
  • Quando l’olio motore si esaurisce, il motore finisce per diventare riempirsi di fango e sporcizia, impedendogli di funzionare correttamente fino a quando non si rompe.
  • Quando le sostanze nocive, simili al fango del motore, si accumulano nelle proteine, il loro ciclo cellulare si blocca. Questo impedisce il normale funzionamento della divisione cellulare e,
  • peggio ancora, la normale riproduzione delle cellule danneggiate.
  • Il risultato è l’instabilità cromosomica, che porta alla degenerazione cellulare, che può scatenare il cancro. Un’altra conseguenza è il declino cellulare.
  • In breve, la carbonatazione delle proteine può potenzialmente portare allo sviluppo di malattie future.
  • Assicura che le nostre proteine rimangano sane e si rinnovino in modo sicuro.

Si è dimostrato che è un collettore di radicali liberi molto superiore rispetto agli altri collettori tradizionali, come la vitamina E e il selenio, che non sono efficaci come si credeva in passato e non possono nemmeno fermare la glicazione e la carbonatazione come fa la carnosina.

Gli antiossidanti svolgono senza dubbio un importante ruolo biochimico nella prevenzione dei danni causati dallo stress ossidativo. Tuttavia, aspettarsi che i tradizionali collettori dei radicali liberi (come la vitamina E e il selenio) proteggano le proteine da qualsiasi tipo di danno ossidativo è come cercare di costruire una casa con un semplice cacciavite, uno strumento che è molto importante, ma che non può fare il lavoro di tutti gli altri strumenti necessari.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Protettrice delle proteine dell’organismo

A differenza degli antiossidanti tradizionali, è lo strumento polivalente che la natura ci fornisce per proteggere le proteine da una moltitudine di fattori che contribuiscono alla degradazione delle stesse nel corpo.

Non solo protegge le cellule dal deterioramento, ma protegge anche il corpo da altri processi tossici secondari che possono scatenare l’ossigeno, gli zuccheri, i lipidi e i metalli pesanti. Anche se non possiamo vivere senza questi elementi biochimici, la scienza della nutrizione ci fornisce ora le conoscenze per controllare i loro effetti collaterali dannosi.

Proteine per proteggere l'organismo

Le proteine non sono le uniche molecole che si degradano per carbonilazione, ma anche i fosfolipidi ne sono colpiti. La carbonilazione dei fosfolipidi danneggia principalmente il sistema nervoso centrale e periferico e provoca problemi di memoria e altri problemi cognitivi.

Combatte anche la carbonilazione dei fosfolipidi, rendendo il dipeptide carnosinico un potente neuroprotettore del corpo.

Per quanto riguarda lo sport e il bodybuilding, favorisce la disintossicazione delle aldeidi reattive causate dalla perossidazione dei lipidi, che si formano nei muscoli durante l’allenamento fisico intensivo. Ciò significa che la carnosina protegge i muscoli da lesioni, previene la fatica, aumenta la forza muscolare e accelera in modo significativo il tempo di recupero dopo l’allenamento e l’esercizio fisico.

Comprare L-Carnosina
L-Carnosina
La L-carnosina è una combinazione di due aminoacidi: la beta alanina e l'istidina
COMPRARE

Link Correlati con la tematica:

La carnosina può ritardare l’invecchiamento della pelle, e cosa ancora migliore, può arrivare a ringiovanire le cellule della pelle. Quando parliamo di anti invecchiamento, la maggior parte di noi pensa a costosi trattamenti cosmetici. Possiamo spendere molti soldi in creme che promettono effetti miracolosi e alla fine ottenere risultati insoddisfacenti o che hanno effetti temporanei minimi. Perchè la pelle delle persone anziane ha un aspetto diverso rispetto a quella della gente giovane? La salute della pelle obbedisce ad un processo che si origina dall’interno verso l’esterno. Sebbene possiamo migliorare l’aspetto della pelle mediante l’applicazione di creme ad uso esterno, non…
Valutazione Carnosina

Efficacia - 100%

Anti invecchiamento - 100%

Maggiore energia - 95%

Protettore - 100%

99%

Valutazione HSN: 5 /5
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace il nostro HSNBlog?
HSN Newsletter
Be’, immagina le offerte del nostro negozio.

Lasciaci la tua mail e ti daremo accesso alle migliori promozioni per i nostri clienti


Desidero iscrivermi e accetto la politica di privacy