Fungo Shiitake - Rinforza il tuo Sistema Immunitario Blog di Fitness, Nutrizione, Salute e Sport | Blog HSN
Home / Nutrizione / Funghi / Fungo Shiitake – Rinforza il Sistema Immunitario del tuo Organismo
Fungo Shiitake – Rinforza il Sistema Immunitario del tuo Organismo

Fungo Shiitake – Rinforza il Sistema Immunitario del tuo Organismo

I funghi Shiitake sono diventati negli ultimi anni un prodotto molto ricercato grazie alle loro proprietà per combattere le cellule tumorali, oltre ad essere un elemento che aiuta a combattere le infezioni e le malattie cardiovascolari. Tra le sue proprietà nutrizionali troviamo una grande ricchezza di vitamina B, oltre ad un sapore attraente che tradizionalmente lo ha reso appetibile per molte ricette.

Cosa sono i Funghi Shiitake?

Lo shiitake Lentinus edodes, o conosciuto come il fungo della vita, cresce sui tronchi di alberi come la quercia, il faggio, l’eucalipto o il leccio. Si trova preferibilmente in regioni a clima caldo e umido, ed è stato tradizionalmente coltivato in paesi come Cina o Giappone, dove è stato possibile condividerlo nelle loro medicine tradizionali come elemento naturale grazie alla grande quantità di proprietà nutrizionali che presenta.

Lo shiitake è considerato un prebiotico altamente efficace e capace di mantenere il microbiota in equilibrio e di promuovere la risposta immunitaria dell’organismo.

Sono sempre stati riconosciuti per il loro potere di combattere le cellule tumorali, le malattie cardiovascolari e le infezioni dell’organismo, che per secoli ne hanno fatto una fonte di cibo popolare in Asia.

È il secondo fungo commestibile più popolare in questa zona del mondo ed il terzo più coltivato in tutto il pianeta, dato che le sue proprietà benefiche hanno cominciato ad estendersi in tutto il mondo.

Le sue proprietà antivirali, antibatteriche e antimicotiche lo hanno fatto entrare prepotentemente sul mercato europeo, così come altri funghi “fratelli” come il reishi. I funghi Shiitake aiutano a controllare i livelli di zucchero nel sangue e a ridurre l’infiammazione nel corpo.

Lo shiitake è ricco in proteine di alto valore biologico dove possono comparire fino a nove aminoacidi essenziali:

  • Tiamina
  • Riboflavina
  • Niacina
  • Fibra alimentare
  • Enzimi
  • Ergosterolo
  • Acido Linoleico

Un eteropolisaccaride isolato del corpo fruttifero può invertire la composizione alterata della flora intestinale e ottimizzare la risposta immunitaria dell’organismo.

Essendo un alimento ricco di tante sostanze nutritive, è considerato una pianta o un fungo unico, perché, come abbiamo visto, contiene aminoacidi in grandi quantità e tipi, tra cui l’acido linoleico, che aiuta nella perdita di peso e nella costruzione muscolare, sicuramente un elemento di supporto per gli atleti che cercano di adattare la dieta alle esigenze della loro disciplina, nonché di fornire energia ai muscoli durante gli allenamenti e le competizioni ad alta esigenza.

Questo acido linoleico aiuta anche nella formazione delle ossa, migliora la digestione e riduce le allergie dell’organismo, in particolare quelle legate alla sensibilità agli alimenti che possono verificarsi. Per questo motivo, è un prodotto, o tipo di fungo comune, ideale da aggiungere alle nostre ricette.

Origine dei funghi shiitake

La coltivazione di questa specie nei paesi orientali come la Cina o il Giappone risale a più di 2.000 anni fa, tuttavia la sua introduzione nell’Europa occidentale è relativamente recente, essendo l’Olanda la più grande area di coltivazione nel vecchio continente.

Ingrediente fungo shiitake

Negli Stati Uniti la sua fama è molto ampia, il che lo ha reso il secondo fungo più prodotto al mondo, solo dopo il comune champiñon. La sua coltivazione è documentata nei paesi asiatici fin dall’anno 1.000 d.C. durante la Dinastia Song.

Nell’antica Cina i medici conoscevano il potere di questo fungo shiitake e lo usavano come alimento attivatore della forza vitale nelle loro ricette, che garantiva longevità, proteggeva il sistema immunitario ed era usato anche, come prevenzione, nei problemi gastrointestinali, epatici, circolatori, così come in raffreddori e influenze.

Per le sue caratteristiche, è una specie inconfondibile in natura. Forse il Neolentinus adhaerens, una specie rara di funghi di montagna, può generare qualche confusione, anche se la sua carne è piccante e manca delle squame piatte del cappello. Il fungo shiitake è un buon fungo commestibile, dal sapore un po’ particolare ma piacevole (che quindi apporta ricchezza alle ricette), a cui sono attribuite anche proprietà medicinali in diversi ambiti.

Da questo fungo si estrae un polisaccaride antitumorale e si studia il suo uso come antivirale o per il trattamento di malattie come l’artrite.

La sua coltivazione può essere tradizionale, su alberi, o su substrati artificiali con trucioli di legno e materia organica, formato che si è diffuso negli ultimi anni, al fine di poterli coltivare singolarmente in casa.

Esteticamente, presenta un “cappello” che nella maggior parte degli esemplari ha un diametro che può oscillare tra i cinque e i dieci centimetri, in forma convessa durante buona parte del suo sviluppo, tendendo ad appiattirsi e persino a deprimersi un po’ negli ultimi stadi della sua maturazione.

È molto ricercato da aggiungere in molte ricette tradizionali, non solo nei paesi asiatici. Ha una “polpa” biancastra, spessa e compatta, un odore fungino abbastanza gradevole e un sapore specifico, altrettanto gradevole, per cui è sempre stato molto ricercato per aggiungerlo in zuppe o altre ricette.

Proprietà dei funghi shiitake

Abbiamo già visto come lo shiitake sia stato ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale asiatica, oltre che come alimento di grande valore popolare. Oggi continua ad esserlo in tutto il mondo, oltre ai vari integratori alimentari che hanno fatto si che venga incluso nella dieta quotidiana di un gran numero di persone che cercano il loro aiuto per vari problemi dell’organismo.

Tra le principali proprietà si trovano:

  • Rinforza il sistema immunitario, per cui le sue applicazioni possono essere molte e diverse. È spesso di grande aiuto in problemi virali e batterici, dato che stimola la produzione di interferoni, linfociti T e macrofagi. Così può aiutare in casi di herpes, influenza o raffreddori
  • È un alleato in casi di cancro e tumori, può avere un effetto antiossidante (contiene lentinano, beta glucano, l’enzima superossido dismutasi, vitamina A, vitamina C, E e selenio)
  • È importante in malattie cardiovascolari, dato che favorisce il controllo dell’ipertensione, riduce li colesterolo e diminuisce la viscosità del sangue. Questo è possibile grazie a che contiene l’eritadenina e ad un tipo di fibra chiamata chitina
  • Aiuta la digestione grazie ai suoi enzimi digestivi, specialmente pepsina e tripsina
  • È un alimento anti invecchiamento, per il suo alto contenuto in antiossidanti e perchè favorisce i livelli adeguati di ormone della crescita
  • Il suo contenuto in ergosterolo favorisce la vitamina D quando prendiamo il sole. È un nutriente molto importante per le ossa e il fosforo adeguato
  • Il suo apporto di acido linoleico aiuta a produrre diversi tipi di prostaglandine

Valori nutrizionali

Per quanto riguarda i valori nutrizionali dei funghi shiitake, 100 grammi di lentinus nelle nostre ricette contengono approssimativamente:

  • 34 calorie
  • 0,5g di grassi
  • 6,8g di carboidrati
  • 2,5g di fibra alimentare
  • 2,4g di zucchero
  • 2,2g di proteina
  • 4mg di niacina
  • 1,5mg di acido pantotenico
  • 0,2mg di vitamina B6
  • 0,2mg di riboflavina
  • 18 unità di vitamina D
  • 0,2mg di manganese
  • 112mg di fosforo
  • 5,7mg di selenio
  • 0,1mg di rame
  • 1mg di zinco
  • 304mg di potassio
  • 20mg di magnesio
  • 0,4mg di ferro

Shiitake contro la stanchezza

Benefici dei Funghi Shiitake

Sistema immunitario

I funghi hanno la capacità di stimolare il sistema immunitario e combattere molte malattie mediante l’apporto di vitamine, minerali ed enzimi.

Uno studio del 2015 pubblicato sul Journal of the American College of Nutrition ha valutato 52 uomini e donne sani, dai 21 ai 41 anni, per determinare se i funghi shiitake potevano migliorare la funzione immunitaria umana. Lo studio comprendeva una prova a gruppi paralleli di quattro settimane in cui i partecipanti consumavano cinque o dieci grammi di funghi al giorno.

I risultati suggeriscono che il consumo di funghi ha migliorato la funzione di effettore cellulare e migliorato l’immunità intestinale. C’è stata anche una riduzione dell’infiammazione dovuta al consumo di funghi a causa delle variazioni osservate nei livelli di citochina e di CRP sierica.

Come aiuta la salute cardiovascolare

La presenza di steroli nei funghi shiitake, che interferiscono nella produzione di colesterolo nel fegato, favorisce la salute cardiovascolare dell’organismo. Contengono potenti fitonutrienti che aiutano a prevenire l’adesione delle cellule alle pareti dei vasi sanguigni e la formazione di placca, che mantiene la pressione sanguigna e migliora la circolazione.

Proprietà antimicrobiche

L’aiuto per porre fine alle malattie batteriche è stato dimostrato in vari studi e ricerche negli ultimi anni. In particolare, nel 2011 l’UCL Eastman Dental Institute di Londra ha testato gli effetti antimicrobici dello shiitake sulla gengivite, una malattia prevenibile che comporta un’infiammazione delle gengive dovuta all’accumulo di un biofilm microbico nel margine gengivale. Questa malattia può essere curata con costi molto elevati che non tutti possono permettersi. L’efficacia dei funghi è stata confrontata con quella del principio attivo del collutorio principale per la gengivite, che contiene clorexidina.

Il numero totale di batteri, così come il numero di otto organismi chiave nella comunità orale sono stati studiati dopo il trattamento. I risultati hanno indicato che l’estratto di funghi di shiitake ha ridotto il numero di alcuni organismi patogeni senza compromettere gli organismi associati con la salute, a differenza della clorexidina, che ha avuto un effetto limitato su tutti gli organismi.

Aumento dell’energia

I funghi sono una grande fonte di vitamine del gruppo B, che aiuta a convertire le sostanze nutritive presenti negli alimenti in energia utilizzabile, altamente necessaria per gli alti ritmi di vita che seguiamo quotidianamente. Allo stesso modo, l’elevata presenza di vitamine di questo gruppo aiuta a mantenere la concentrazione per tutta la giornata, migliorando anche le prestazioni cognitive.

L’aggiunta di funghi shiitake alla dieta quotidiana può essere molto positiva per gli atleti, in quanto aumenterà la fonte di energia, così come la concentrazione per gli allenamenti quotidiani, dopo dure giornate di lavoro, così come per le competizioni più impegnative.

Generatore di Vitamina D

Questi funghi forniscono una quantità importante di vitamina D, superiore a quella della maggior parte degli altri funghi. La sua importanza è legata alla salute delle ossa, oltre che alla riduzione del rischio di malattie cardiache, diabete, malattie autoimmuni e alcuni tipi di cancro, come vedremo più avanti. È vitale per l’assorbimento e il metabolismo del calcio e del fosforo.

Ottenere un ampio apporto di vitamina D aiuta anche a regolare e sostenere il sistema immunitario, mantenere un peso corporeo sano, mantenere la funzione cerebrale con l’avanzare dell’età, ridurre la gravità dei sintomi dell’asma, ridurre il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide nelle donne, e ridurre il rischio di sviluppare la sclerosi multipla.

Secondo alcune ricerche, i funghi shiitake, così come il salmone selvatico, i latticini crudi e le uova, sono i migliori alimenti ricchi in vitamina D.

Come combattere l’obesità

Alcuni componenti dello shiitake hanno effetti ipolipemici come riduttori del grasso: eritadenina e beta-glucano, una fibra alimentare solubile presente anche in orzo, segale e avena. Studi hanno riportato che il beta-glucano può aumentare la sazietà, ridurre l’assunzione di cibo, ritardare l’assorbimento dei nutrienti e ridurre i livelli plasmatici di lipidi.

Aiuta a mantenere la salute della pelle

Questi funghi presentano un alto contenuto in selenio (100g di questi funghi apportano all’organismo 5,7mg di selenio), fattore che unito alla vitamina A ed E può aiutare a ridurre malattie della pelle come l’acne e le cicatrici che possono rimanere una volta passata.

In uno studio aperto, 29 pazienti con gravi problemi di acne hanno ricevuto 0,2mg di selenio e 10mg di tocoferil succinato per la loro acne due volte al giorno per 6-12 settimane. Dopo il trattamento, i pazienti hanno notato risultati positivi. Lo zinco nei funghi shiitake promuove la funzione immunitaria e riduce l’accumulo di DHT per migliorare la guarigione della pelle, evitando così la permanenza di residui della malattia e di suoi possibili segni sulla pelle.

Come distrugge le cellule cancerogene

Le ricerche suggeriscono che i funghi shiitake contengano un polisaccaride che aiuta a combattere le cellule cancerogene e che il lentinano nei funghi shiitake aiuta a sanare il danno cromosomico causato dai trattamenti anticancerogeni.

Questo suggerisce che i funghi shiitake potrebbero essere usati come un potenziale trattamento naturale per il cancro.

Il lentinano contenuto nei funghi aumenta i linfociti T. Il KS-25 è efficace nell’eradicazione di alcuni tumori e il LAPI si è dimostrato essenziale per eliminare i tumori del fegato negli animali.

Shiitake e azione anticancerogena

Nel 2004, due ricercatori polacchi, B. Balasinska e J. Rajewska, hanno dichiarato in uno dei loro studi che: “I funghi commestibili sono una preziosa fonte di composti biologicamente attivi. Alcuni sono utilizzati per la prevenzione e la terapia di malattie come il cancro e malattie cardiovascolari. Il loro meccanismo antitumorale è complesso. Le sostanze biologicamente attive presenti nei funghi diminuiscono i danni al DNA, riducono le concentrazioni cancerogene e la loro attivazione, inibiscono la crescita delle cellule tumorali attraverso l’eliminazione dei radicali liberi, stimolano il sistema immunitario e inducono l’apoptosi delle cellule tumorali”.

I funghi contengono un alfa-glucano chiamato AHCC (active hexose correlated compound), che è una miscela di aminoacidi, polisaccaridi e minerali. Fino ad ora questo composto è stato identificato solamente nei funghi shiitake i quali sono ben conosciuti per le loro proprietà antitumorali. Gli studi su umani e di laboratorio hanno dimostrato che l’AHCC aumenta il numero e l’attività delle cellule killer naturali, delle cellule dendritiche e delle citochine nell’organismo, che permettono al corpo di rispondere efficacemente di fronte alle infezioni e di bloccare la proliferazione dei tumori. In breve, rafforza e migliora la funzione del sistema immunitario.

La maggior parte delle ricerche sono state effettuate sui roditori, anche se negli ultimi anni sono stati condotti studi su piccoli gruppi di persone (non estesi fino ad ora, quindi i loro risultati non sono stati presi al cento per cento come affidabili) che hanno dato risultati favorevoli.

Le prime ricerche cliniche con piccole schiere di pazienti, condotte principalmente in Giappone, hanno suggerito che il lentinano contenuto nei funghi shiitake è sicuro e possibilmente associato alla qualità della vita e al tempo di sopravvivenza dei pazienti con cancro gastrico, epatico e pancreatico, ma la maggior parte degli studi non sono stati confermati con studi clinici più ampi, randomizzati e controllati.

Uno studio non randomizzato pubblicato nel 2011 su 78 pazienti con carcinoma gastrico metastatico o recidivante non operabile, ha rilevato che i pazienti che ricevevano lentinano più paclitaxel o  chemioterapia con cisplatino hanno avuto una sopravvivenza media generale più lunga rispetto a quelli trattati con la sola chemioterapia (sopravvivenza globale media: 689 giorni contro 565 giorni).

Lo stesso gruppo di ricerca ha riportato nel 2016 che tre pazienti con cancro gastrico e metastasi epatiche, che hanno ricevuto lentinano una o due volte al mese più chemioterapia con cisplatino e paclitaxel o trastuzumab, hanno sperimentato risposte tumorali oggettive (1 risposta completa e 2 risposte parziali) ma, trattandosi di uno studio su un campione molto piccolo e non controllato, non è possibile determinare il ruolo causale del lentinano su questi risultati.

Chi può prendere i funghi shiitake

  • Persone che abbiano bisogno di migliorare il proprio sistema immunitario a causa di qualsiasi infezione o malattia
  • Persone che soffrono di ipertensione
  • Persone che cercano di migliorare la propria digestione giornaliera
  • Malati di cancro che stiano realizzando trattamenti di chemioterapia
  • Malati di epatite

Controindicazioni dello shiitake

Nonostante la quantità di aiuti che può generare l’assunzione di funghi shiitake grazie alle loro proprietà e ai loro nutrienti, alcuni studi hanno dimostrato che l’assunzione eccessiva di shiitake nelle ricette può produrre una serie di controindicazioni.

Assunto come alimento, lo shiitake raramente provoca qualche tipo di reazione, sebbene in alcune persone possa produrre lievi problemi intestinali o allergie cutanee.

Come integratore alimentare, le donne in gravidanza o in allattamento, così come le persone che assumono anticoagulanti, dovrebbero consultare il proprio medico o specialista prima di consumarlo, poiché in questi casi non vi sono ricerche sufficienti a riguardo.

Produzione del fungo shiitake

I funghi contengono una moderata quantità di purine, un composto chimico che si scompone in acido urico. Una dieta ricca di purine può aumentare i livelli di acido urico nel corpo, che a volte può portare alla gotta. Se si verificano sintomi di gotta, limitare l’assunzione.

In HSN consigliamo l’assunzione controllata di tutti gli integratori alimentari, prendendo sempre come riferimento le indicazioni che si trovano nelle informazioni dei prodotti. Se usato naturalmente, si consiglia di non superare l’assunzione di shiitake più di una volta nella stessa settimana.

Chi non deve consumare shiitake

  • Donne incinta o in allattamento
  • Persone con problemi intestinali
  • Persone che presentano problemi allergici cutanei con relativa facilità
  • Persone colpite dall’acido urico

I funghi shiitake rispetto ad altri funghi

Sono molti i funghi ricercati sul mercato, sia naturalmente o in integratori alimentari, ma vogliamo evidenziare l’aiuto che lo shiitake dà all’organismo rispetto ad altri superalimenti simili:

  • Shiitake: Combatte le cellule cancerogene e le malattie infettive, stimola il sistema immunitario, promuove la funzione cerebrale e serve come fonte di vitamine B.
  • Maitake: Migliora la salute dei pazienti con AIDS e regola i livelli di zuccheri nel sangue dei diabetici. Può ridurre l’ipertensione e rinforzare il sistema immunitario.
  • Reishi: Combatte l’infiammazione, le malattie epatiche, la stanchezza, la crescita dei tumori e il cancro. Migliora i disordini della pelle e allevia i problemi digestivi, ulcere stomacali e la sindrome della filtrazione intestinale.
  • Cordyceps: Ha effetti anti invecchiamento e rinforza la funzione immunitaria. Migliora la resistenza e il rendimento atletico e sportivo, agisce come un afrodisiaco naturale, combatte il diabete e migliora la funzione epatica.

Come consumare i funghi shiitake

I funghi Shiitake si possono trovare da anni in molti mercati, grazie all’espansione che la loro coltivazione ha subito da un tempo a questa parte. Possono essere consumati freschi, secchi o disidratati, come avviene per gli altri funghi. D’altra parte, negli ultimi anni sono stati sviluppati molti integratori alimentari che includono estratti di funghi, che includono tutti i nutrienti che possono essere ottenuti direttamente da quelli freschi. Esistono sono alcuni prodotti con shiitake in polvere, per poterli includerle in qualsiasi ricetta tradizionale, per dare al cibo un sapore curioso e unico, come questo fungo.

Il disidratato, non secco, ha generalizzato la sua commercializzazione negli ultimi anni. In questo modo tutti possono disporre facilmente questi funghi nella loro cucina. Inoltre, molte opinioni dicono che questa forma accentua ancora di più il suo sapore, oltre a non essere necessaria la sua conservazione a freddo, al contrario di quanto avviene con i funghi freschi. Per il loro utilizzo, devono solo essere immersi per circa 45 minuti, utilizzando dodici parti di liquido per ogni parte di prodotto. Si raccomanda sempre di seguire le istruzioni del prodotto disidratato prima dell’uso.

I funghi shiitake freschi, un’altra opzione e la più tradizionale, anche se in Europa possiamo trovarli non da molti anni, vanno puliti in uno scolapasta o possono essere puliti con un panno umido se sono più freschi. Se i gambi sono un poco duri si scartano scartati o vengono utilizzati per preparare del brodo, la forma più tradizionale di consumare questi funghi nei loro paesi di origine. I cappelli degli Shiitake si tagliano a fette, come facciamo con i funghi tradizionali, e cotti per qualche minuto a fuoco alto o bolliti in zuppe e stufati. Un’altra opzione è quella di grigliarli.

Brodo di funghi shiitake

Al momento dell’acquisto, bisogna assicurarsi che non contengano sporco, muffa o macchie, in quanto in questo caso sarebbe meglio non usarli, in quanto potrebbero causare reazioni allergiche. All’interno devono avere un colore bianco crema. I funghi Shiitake possono essere conservati in frigorifero per al massimo sette giorni, non si consiglia infatti di conservarli più a lungo.

Se li comprate secchi, metteteli in ammollo in acqua calda per 15 minuti prima di utilizzarli per qualsiasi ricetta. Possiamo preparare noi stessi gli shiitake secchi.

Senza aver ancora parlato di come utilizzarli in cucina, vogliamo sottolineare che tradizionalmente i funghi sono stati presi in infusione e tè. Per far ciò, si tagliano in fette molto sottili due funghi shiitake e si aggiunge una tazza di acqua in ebollizione, lasciando riposare per circa cinque minuti.

Lo Shiitake è diventato anche un integratore alimentare con grandi proprietà nutrizionali, che si trova in capsule e compresse. Di solito l’assunzione di questo formato si realizza ogni giorno (secondo le raccomandazioni degli specialisti) quando si desidera un rapido effetto terapeutico.

I Funghi Shiitake in cucina

Molti specialisti degli shiitake sostengono che si dovrebbe mangiare sia il cappello come il gambo, ma in generale non si parla di quantità. Una delle più grandi raccomandazioni per non perdere le loro proprietà in cucina è quella di non bruciarli, con solo sette minuti saltati in padella sono pronti da consumare (freschi o secchi).

I funghi sono un alimento versatile che può essere incorporato in una grande varietà di piatti. Quando comprate i vostri shiitake, cercate funghi che siano sodi e grossi. Evitare i funghi che appaiono viscosi o rugosi, in quanto non freschi. Conservate i funghi freschi in frigorifero in un sacchetto chiuso o in un contenitore chiuso, in modo da poterli mantenere freschi per circa una settimana.

Sciacquare accuratamente i funghi prima della cottura. Possono essere messi in un contenitore con acqua calda per circa 10 minuti per rimuovere eventuali residui e poi risciacquare e asciugare bene, soprattutto con attenzione la testa del fungo. Non resta che aggiungerli ai nostri piatti, per pranzo o cena, nel modo che preferite.

Come utilizzarli in cucina

Di seguito vi presentiamo una attraente ricetta per cucinare i funghi shiitake:

Faremo una ricetta wok di shiitake con verdure, molto facile e veloce da preparare nella nostra cucina, e dove saremo in grado di ottenere tutti i nutrienti da questi funghi, oltre a poterli introdurre completamente nella nostra dieta, avendo grandi proprietà per gli atleti.

Ingredienti

  • Un vassoio di funghi shiitake
  • Un sacchetto di cinque verdure tagliate (zucchina, peperone rosso, cipolla, porro e peperone verde, anche se si possono modificare a piacere)
  • Un bicchiere di riso integrale
  • Una cucchiaiata di paprika, dolce o piccante, a piacere
  • Salsa di soia
  • Olio extra vergine d’oliva

Realizzazione

Facciamo cuocere a fuoco lento il riso in un pentolino con dell’acqua fino al termine della cottura. Nel frattempo laviamo, asciugano (importante), tagliamo e saltiamo i funghi shiitake nel wok con un poco di olio d’oliva.

Aggiungere le verdure, salare e pepare a piacere, aggiungere un cucchiaino di paprika, un goccio di salsa di soia e soffriggere insieme ai funghi, togliendo il wok dal fuoco quando il liquido si è asciugato quasi del tutto, in modo che le verdure restino un poco intere e abbiano più sapore.

Non resta che mettere il soffritto e il riso sul piatto in parti uguali, mescolare e pronto da gustare. Una ricetta veloce e molto nutriente.

Coltivare Funghi Shiitake

La moda dei funghi ha portato molte persone a coltivare il proprio prodotto naturale (non secco) in casa, per averlo facilmente in cucina, anche se sono necessarie una serie di condizioni speciali  per soddisfare lo sviluppo e la crescita di questi funghi.

Raccolta dei funghi

È vero che la coltivazione dei funghi shiitake può avvenire in diversi formati. Da un lato, esiste la vendita di substrati inoculati con semi o micelio di funghi shiitake, quindi tutto quello che dobbiamo fare è cercare il posto migliore, fresco e umido, nella nostra casa o giardino e solo bagnarli e tenerli sempre freschi, oppure ricreare l’ambiente perfetto su tronchi inoculati con micelio, riproducendo lo stesso effetto della sua crescita naturale originale nei paesi asiatici come in Cina o in Giappone. Nell’esempio che segue utilizzeremo una balla di fieno come substrato per la coltivazione.

Tra le cose di cui avremo bisogno per la loro coltivazione troviamo:

  • Micelio o semi. Ogni 150 grammi di micelio necessiteranno 2,5 kili di paglia
  • Paglia di frumento
  • Una pentola
  • Delle forbici
  • Un sacco per coltivazione
  • Guanti di lattice

Per la sua realizzazione:

Mettere sul fuoco una pentola grande con circa quattro litri d’acqua. Tagliare la paglia a pezzi di lunghezza non superiore ai cinque centimetri. Lasciate bollire per dieci minuti e poi aggiungete la paglia. È necessario coprire completamente la paglia per sterilizzarla del tutto. Il liquido deve restare intorno ai 110ºC per circa un’ora.

Fatto ciò, scolare la paglia tranquillamente, prendendo il tempo necessario. Una volta raffreddata, può essere maneggiata per metterla nel sacchetto di coltivazione. Dobbiamo mescolare l’introduzione di paglia e semi, e dobbiamo umidificare regolarmente con un vaporizzatore.

Una volta introdotto tutto, lasciare il sacchetto in un luogo umido, fresco e buio, con circolazione d’aria. È molto importante mantenerlo sempre umido. Ci vorranno da cinque a sei giorni affinchè i funghi shiitake appaiano attraverso il sacchetto di coltivazione, aggiungendo altri quattro o cinque giorni per poterli tagliare e gustare nelle vostre ricette in cucina. Questo sistema può essere utilizzato anche per funghi di tipo diverso.

Studi e Riferimenti sui Funghi Shiitake

  1. Sugiyama K, Akachi T, Yamakawa A. Hypocholesterolemic action of eritadenine is mediated by a modification of hepatic phospholipid metabolism in rats. 1995 Aug;125(8):2134-44.
  2. Hirasawa M, Shouji N, Neta T, Fukushima K, Takada K. Three kinds of antibacterial substances from Lentinus edodes (Berk.) Sing. (Shiitake, an edible mushroom). Int J Antimicrob Agents. 1999 Feb;11(2):151-7.
  3. Xu X, Yang J, Ning Z, Zhang X. Lentinula edodes-derived polysaccharide rejuvenates mice in terms of immune responses and gut microbiota. Food Funct. 2015 Aug;6(8):2653-63. doi: 10.1039/c5fo00689a. Epub 2015 Jul 2.
  4. Vieira AT, Teixeira MM, Martins FS. The role of probiotics and prebiotics in inducing gut immunity. Front Immunol. 2013 Dec 12;4:445. doi: 10.3389/fimmu.2013.00445.
  5. Dai X, Stanilka JM, Rowe CA, Esteves EA, Nieves C Jr, Spaiser SJ, Christman MC, Langkamp-Henken B, Percival SS. Consuming Lentinula edodes (Shiitake) Mushrooms Daily Improves Human Immunity: A Randomized Dietary Intervention in Healthy Young Adults. J Am Coll Nutr. 2015;34(6):478-87. doi: 10.1080/07315724.2014.950391. Epub 2015 Apr 11.
  6. Ciric L, Tymon A, Zaura E, Lingström P, Stauder M, Papetti A, Signoretto C, Pratten J, Wilson M, Spratt D. In vitro assessment of shiitake mushroom (Lentinula edodes) extract for its antigingivitis activity. J Biomed Biotechnol. 2011;2011:507908. doi: 10.1155/2011/507908. Epub 2011 Sep 28.
  7. Calvaresi E, Bryan J. B vitamins, cognition, and aging: a review. J Gerontol B Psychol Sci Soc Sci. 2001 Nov;56(6):P327-39.
  8. Michaëlsson G, Edqvist LE. Erythrocyte glutathione peroxidase activity in acne vulgaris and the effect of selenium and vitamin E treatment. Acta Derm Venereol. 1984;64(1):9-14.
  9. Ng ML1, Yap AT. Inhibition of human colon carcinoma development by lentinan from shiitake mushrooms (Lentinus edodes). J Altern Complement Med. 2002 Oct;8(5):581-9.
  10. Oba K, Kobayashi M, Matsui T, Kodera Y, Sakamoto J. Individual patient based meta-analysis of lentinan for unresectable/recurrent gastric cancer. Anticancer Res. 2009 Jul;29(7):2739-45.

Link Correlati con il Fungo Shiitake:

  • 13 Migliori Alimenti per Rinforzare il tuo Sistema Immunitario
  • Bromelina: Cos'è, Proprietà, Benefici per Migliorare la Digestione delle Proteine
  • Comprare Shiitake Online su HSN
I funghi Shiitake sono diventati negli ultimi anni un prodotto molto ricercato grazie alle loro proprietà per combattere le cellule tumorali, oltre ad essere un elemento che aiuta a combattere le infezioni e le malattie cardiovascolari. Tra le sue proprietà nutrizionali troviamo una grande ricchezza di vitamina B, oltre ad un sapore attraente che tradizionalmente lo ha reso appetibile per molte ricette. Cosa sono i Funghi Shiitake? Lo shiitake Lentinus edodes, o conosciuto come il fungo della vita, cresce sui tronchi di alberi come la quercia, il faggio, l'eucalipto o il leccio. Si trova preferibilmente in regioni a clima caldo…
Valutazione Fungo Shiitake

Migliora il Sistema Immunitario - 100%

Perdita di Peso - 100%

Coltivazione - 99%

Efficacia - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace il nostro HSNBlog?
HSN Newsletter
Be’, immagina le offerte del nostro negozio.

Lasciaci la tua mail e ti daremo accesso alle migliori promozioni per i nostri clienti


Desidero iscrivermi e accetto la politica di privacy