Salute delle Ossa
83 Prodotti
  1. «
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. »
Configurare la direzione acendente
83 Prodotti
  1. «
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. »
Configurare la direzione acendente

Salute delle Ossa

Intorno ai 35 anni iniziamo a perdere tra 1-1,5% della massa ossea, e le donne perdono ancora di più. Gli studi clinici hanno dimostrato che l'assunzione di calcio, esclusivamente, non è sufficiente per prevenire l'osteoporosi. Per ottenere densità ossea e prevenire le fratture delle ossa, si dovrebbero anche assumere vitamina D e vitamina K2. Anche il magnesio, il rame, lo zinco, il selenio e le vitamine C e B aiutano ad apportare stabilità alle ossa.

Nel nostro paese, oltre 8 milioni di persone soffrono di osteoporosi, una malattia che è stata inclusa tra le dieci malattie più frequenti dall'organizzazione mondiale della sanità. Questa malattia, che interessa l'infermità delle ossa e può portare alla frattura dell'anca o altri tipi di fratture, viene chiamata osteoporosi, o malattia di perdita ossea.

Indice Nascondi

  1. Quali sono le cause dell'osteoporosi?
  2. Quali sono i sintomi più comuni dell'osteoporosi?
  3. Come si può rilevare l'osteoporosi?
  4. Quali farmaci specifici si utilizzano nel trattamento dell'osteoporosi?
  5. Quali nutrienti naturali favoriscono le ossa e prevengono l'osteoporosi?
  6. Come si può prevenire la malattia dell'osteoporosi?
  7. Vitamina D: essenziale per le ossa
  8. Calcio: minerale essenziale per le ossa
  9. Le funzioni del magnesio
  10. Tutto sul selenio
  11. Lo zinco per le ossa
  12. Rame: essenziale per la salute

Quali sono le cause dell'osteoporosi?

Nel 95 per cento dei casi, non esiste alcuna informazione concreta sulle cause che provocano l'osteoporosi. In questo caso, la perdita di massa ossea è nota come osteoporosi primaria.

Nel caso delle donne, può verificarsi dopo la menopausa, il che è noto come osteoporosi postmenopausale.

E nel caso di persone sopra l'età di 70 anni, è prodotta dall'età, diventando nota come osteoporosi senile.

Oltre al sesso e all'età, ci sono altre cause che influenzano la perdita ossea, come la predisposizione genetica, l'insufficiente assunzione di calcio, la carenza di vitaminas D e vitamine K, il fumo, la mancanza di esercizio fisico e il consumo eccessivo di alcol.

Inoltre, l'osteoporosi può anche innescarsi a causa di disturbi ormonali o metabolici o a causa dell'assunzione continuata di alcuni tipi di farmaci come il cortisone, gli antiepilettici o gli ormoni tiroidei.

Quali sono i sintomi più comuni dell'osteoporosi?

L'osteoporosi non ha sintomi specifici. La progressiva comparsa dell'osteoporosi, durante tutta la vita, è il motivo per cui la malattia può passare inosservata per un certo tempo.

Solo quando la massa ossea diminuisce più del normale, l'osso diventa poroso e instabile e si manifesta il dolore, con il rischio di subire fratture senza causa apparente.

Nel caso in cui sospetti di avere l'osteoporosi, perché appartieni a uno dei gruppi a rischio, la cosa migliore da fare è andare dal tuo medico, in modo da valutare la situazione.

Se la malattia non è diagnosticata in tempo, può causare una frattura ossea.

Tra tutte, la frattura dell'anca è una delle più comuni, soprattutto nel caso delle donne. Le aree più colpite dalle fratture ossee sono:

  • le vertebre
  • il femore
  • l'ulna e il raggio, vicino al polso
  • l'omero
  • il bacino

Come si può rilevare l'osteoporosi?

L'improvvisa comparsa di fratture negli anziani (come la tipica frattura dell'anca, che si manifesta solitamente nelle donne) ci può dare informazioni circa il rischio di soffrire di osteoporosi, anche se è necessario uno studio più completo per fare la diagnosi, come la misurazione della densità ossea ai raggi X.

Attraverso la osteodensitometria si misura la densità ossea e si confronta con i valori medi di un adulto di 30 anni.

Se si nota una deviazione da -1 a -2.5 si può parlare di osteoporosi leggera.

Quando la deviazione è superiore a -2.5, si parla di osteoporosi moderata, e se la deviazione è ancora maggiore, saremmo di fronte a una grave osteoporosi. Si può anche esaminare il livello di osteoporosi attraverso una tomografia eseguita dal computer, anche se questo sistema sottomette il paziente a un livello di radiazione maggiore.

Quali farmaci specifici si utilizzano nel trattamento dell'osteoporosi?

Il trattamento dell'osteoporosi si concentra sull'influenzare positivamente il metabolismo osseo e sull'alleviare il dolore.

Esistono diversi tipi di farmaci per trattare la malattia dell'osteoporosi, tra cui la calcitonina e gli estrogeni, principalmente il gruppo dei bifosfonati, simili alle sostanze endogene responsabili dell'architettura ossea interna.

Questo trattamento cerca di stimolare la formazione ossea e di stabilizzare la densità ossea, o addirittura aumentarla, evitando così il rischio di subire una frattura, come la frattura dell'anca.

Quali nutrienti naturali favoriscono le ossa e prevengono l'osteoporosi?

L'osteoporosi può essere prevenuta e trattata, oltre con i farmaci convenzionali, con la somministrazione di calcio e delle vitamine D e K2.

È inoltre consigliabile, per la salute delle ossa, prendere il sole e, se questo non è possibile, assumere degli integratori alimentari che compensino questa mancanza. È necessario che le persone abbiamo delle informazioni adeguate circa la malattia, per evitare il rischio di soffrire di fratture ossee.

È anche utile sapere che la produzione di vitamina D attraverso l'esposizione della pelle al sole diminuisce gradualmente con l'età.

Per il trattamento della malattia dell'osteoporosi, si consiglia di assumere integratori di calcio e integratori di vitamina D. La dose di calcio consigliata è di 1000-1500 milligrammi al giorno. La vitamina D è responsabile per l'assorbimento del calcio da parte dell'intestino e la vitamina K2 è incaricata di incorporare il calcio nelle ossa.

Su questa base, le conclusioni più recenti sono le seguenti: la vitamina K2 attiva la proteina Gla, l'osteocalcina, che è necessaria per incorporare il calcio nelle ossa. La vitamina K2 si trova negli alimenti di origine animale, quali la carne, le frattaglie, il burro, il tuorlo d'uovo, in alcuni formaggi, anche se in piccole quantità e, soprattutto nel natto, un tradizionale alimento di soia fermentata.

Come si può prevenire la malattia dell'osteoporosi?

  • Seguire una dieta equilibrata con un'alta assunzione di calcio. Le più importanti fonti di calcio includono latte, latticini, acqua minerale ricca di calcio e verdure a foglia verde.
  • La dieta, a volte, non copre il fabbisogno di calcio, così è anche consigliabile assumere un integratore multivitaminico ricco di calcio con vitamina D e vitamina K2 nonché vitamina C.
  • L'osteoporosi è spesso prodotta da una carenza di magnesio, per cui lo si deve includere nella dieta per prevenire il deterioramento delle ossa. È anche molto importante, per la salute delle ossa, assumere rame e zinco, ovvero gli elementi responsabili per il mantenimento della densità ossea. Per cui, la cosa migliore è cercare un multivitaminico minerale che ci apporti una dose ottimale di tutti di questi micronutrienti.
  • Fare esercizio fisico regolarmente. L'esercizio fisico è molto importante per prevenire e curare l'osteoporosi, dato che favorisce la formazione e la salute delle ossa in forma attiva e assicura che i muscoli siano forti per tutta la vita, evitando il dolore dello scheletro.
  • Non fumare, controlla l'assunzione di caffeina e controlla l'eccesso di sale.
  • Limitare il consumo di bevande (come la coca cola) e ridurre al massimo il consumo di alcol.
  • Evitare i farmaci che riducono la massa ossea.

Vitamina D e le ossa

Vitamina D: essenziale per le ossa

La vitamina D è responsabile di assicurare che il calcio venga assorbito dal corpo attraverso l'intestino.

Assieme al calcio e alla vitamina K, svolge un ruolo chiave nel metabolismo osseo, particolarmente nella formazione di nuova massa ossea e nella costituzione di una struttura ossea solida.

Di conseguenza, può aumentare il rischio di soffrire di osteoporosi o di avere fratture nelle ossa.

Tutto sul Calcio

Calcio: minerale essenziale per le ossa

Un sufficiente apporto di calcio è essenziale, soprattutto negli anziani, dato che aiuta a prevenire la perdita ossea.

L'assunzione di integratori alimentari di calcio è anche utile per prevenire l'insorgenza dell'osteoporosi.

Il calcio dovrebbe essere assunto preferibilmente con il pasto, per facilitarne l'assorbimento.

I bambini, gli adolescenti, le donne incinte e i neonati tendono ad assorbire dal 60 al 75% del calcio consumato con gli alimenti. Negli adulti, l'assorbimento, di solito, è dal 30 al 40% e aumenta con l'età.

Magnesio e le sue proprietà

Le funzioni del magnesio

Il minerale magnesio è essenziale per promuovere la salute delle ossa.

Uno studio americano ha scoperto che quando vi è una carenza di magnesio le cellule invecchiano più rapidamente.

Se il corpo ha bassi livelli di questo minerale in modo cronico può aumentare il rischio di malattie correlate con l'età, come il diabete.

Inoltre contribuisce a ridurre le malattie cardiovascolari e l'osteoporosi, come dimostrato da David Killilea nella relazione di Bruce Ames della University of California, Berkeley.

Tutto sul selenio

Tutto sul selenio

Il selenio è un oligoelemento chiave per la salute generale del corpo. Funziona come un grande antiossidante che combatte i radicali liberi e previene la degenerazione cellulare.

Attiva e stabilizza il sistema immunitario, favorendo e rendendo più veloce la cura delle malattie. Il selenio genera anticorpi che difendono il corpo dagli attacchi.

Gli studi clinici hanno dimostrato che il selenio inibisce la comparsa di cellule tumorali.

Il selenio è essenziale per il corpo umano: interviene nel metabolismo cellulare.

zinco per le ossa

Lo zinco per le ossa

Interviene in vari processi chimici nel corpo umano.

Ha un ruolo essenziale nella digestione dei carboidrati, delle proteine ?e dei grassi.

Interviene anche nella produzione di energia del corpo, nella formazione di tessuti e nella costruzione del muscolo.

Lo zinco si trova in molti alimenti, in particolare in quelli di origine animale come la carne rossa, il pollame e le frattaglie.

Anche il pesce e i frutti di mare, soprattutto le ostriche, sono ricchi di zinco.

Rame, essenziale per la salute

Rame: essenziale per la salute

Il rame svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo del ferro e nello sviluppo dei globuli rossi, che sono responsabili dell'assorbimento di ossigeno e della sua distribuzione alle cellule.

Inoltre, il rame interviene anche nella pigmentazione della pelle e dei capelli. Interviene nella sintesi della melanina, un pigmento naturale che dà colore alla pelle e ai capelli.

Una mancanza di rame può causare un deficit nella produzione di melanina e portare a problemi alla pelle come macchie.

  Loading...